Club Alpino Italiano

Sez. Carlo Moretti - Romano di Lombardia

REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLA PALESTRA DI ARRAMPICATA DEL CAI
(muro di arrampicata e boulder)
della sez. di Romano di Lombardia
( I.S.S. G.B. Rubini, via Belvedere 2 )

  1. L’accesso è autorizzato solo a chi ha compilato il modulo di iscrizione e ha firmato il registro delle presenze giornaliere. 
  2. Agli Addetti del CAI sez. di Romano di Lombardia al servizio della palestra di arrampicata, non può essere richiesta alcuna attività di istruzione o di ausilio all’arrampicata, che viene quindi svolta dall’utilizzatore in modo autonomo o insieme a compagni di cordata scelti in totale autonomia e delle cui capacità ed esperienze la Sezione CAI di Romano di Lombardia non risponde. 
  3. La Sezione CAI di Romano di Lombardia garantisce la presenza costante all’interno della palestra di personale formato per la gestione di eventuali emergenze di natura tecnica delle attrezzature (prese, rinvii, corde). 
  4. Ogni utente è consapevole del fatto che l’arrampicata, sia sulla parete di arrampicata che sulla struttura boulder, può comportare di per se stessa rischi di infortunio e si assume ogni responsabilità di eventuali incidenti a suo carico. 
  5. Con la firma del modulo di iscrizione l’utente conferma di aver letto e accettato le disposizioni del regolamento che gli è stato consegnato. Tale firma solleva da ogni responsabilità la Sezione di Romano di Lombardia del CAI e gli Addetti presenti in loco per incidenti che si dovessero verificare. 
  6. L’accesso alla palestra è consentito solo negli orari esposti con la presenza e il controllo degli Addetti del CAI. Gli stessi hanno facoltà di allontanare gli utenti che non osservano il regolamento. 
  7. L’utente dichiara di conoscere l’utilizzo corretto dell’imbracatura, di saper effettuare il nodo delle guide con frizione per collegare la corda all’imbraco e di saper usare correttamente i dispositivi predisposti per l’assicurazione al compagno, i soli dispositivi da usare sono Gri-Gri o Cinch. Dispositivi da non usare: mezzo barcaiolo, piastrina stick, discendore a otto) 
  8. È fatto obbligo di utilizzare il nodo delle guide con frizione per legarsi all’imbraco. Nel caso di arrampicata in moulinette e corda con asola (nodo otto) esistente fissa è fatto obbligo di legarsi all’imbraco con moschettone autobloccante. 
  9. È obbligatorio utilizzare attrezzatura omologata, conforme alle norme CE con marchio UIAA, e sottoposta a verifica di integrità da parte del proprietario prima di ogni utilizzo. È consentito utilizzare unicamente un imbracatura di tipo “BASSO”. In palestra si accede con scarpe adeguate e pulite. 
  10. E’ fatto obbligo di arrampicare in maniera moulinette, essendo sempre assicurati, ovvero con corda dall’alto predisposta e messa a disposizione dalla palestra di arrampicata. Non è consentito arrampicare in auto sicura. 
  11. I minorenni fino al 16° anno di età possono solo arrampicare e NON assicurare (anche se l’arrampicatore è il genitore stesso). Dal 16° anno al 18° anno di età, i minorenni possono assicurare previa autorizzazione firmata dal genitore sul foglio di iscrizione alla palestra.   
  12. I minorenni, fino al 18° anno di età, NON soci CAI, possono fare attività (arrampicare) sul muro di arrampicata soltanto col genitore che ne ha assunto le responsabilità e/o possono arrampicare sulla struttura boulder soltanto con la supervisione del genitore che ne ha assunto la responsabilità. 
  13. I minorenni, fino al 18° anno di età, SOCI CAI, possono arrampicare, sia sul muro di arrampicata che sulla struttura boulder, anche con la persona maggiorenne delegata dal genitore che se ne assume la responsabilità. 
  14. La sicura al compagno deve obbligatoriamente essere effettuata rimanendo il più possibile vicino alla parete di arrampicata. In sosta (top) è obbligatorio riavvitare la vite del moschettone o accertarsi che lo sia.
  15. E’ vietato utilizzare magnesite liquida; è consigliato l’utilizzo della pallina (calza+magnesite).  
  16. Appoggi, appigli e moschettoni non possono essere nè cambiati, nè modificati, nè asportati. Eventuali anomalie o allentamenti degli appigli devono essere comunicati agli addetti presenti in palestra.
  17.  E’ vietato, sulla parete di arrampicata, incrociare le vie in obbliquo/orizzontale, è obbligatorio mantenere la direzione verticale. Chi non è impegnato nell’arrampicata non deve sostare sotto la parete di arrampicata.
  18.  E’ vietato scendere velocemente dalla sosta e surriscaldare la corda.
  19.  Il bouldering è consentito solo nell’area predisposta ed esclusivamente con la protezione dei materassi.
  20.  Sulla struttura boulder chi arrampica in verticale ha la precedenza su chi arrampica in traverso lungo i pannelli. Al fine di evitare che possibili cadute possano coinvolgere altri arrampicatori, è vietato arrampicare al di sotto (sulla verticale) o nelle vicinanze di un altro arrampicatore.
  21. Quando si fa bouldering è obbligatorio togliersi anelli e orologi, ed eliminare dalle tasche qualunque oggetto che possa tagliare ed infiggersi (matite, penne, chiavi, …). E’ vietato indossare l’imbracatura, rinviied altri elementi contundenti che possono essere potenzialmente pericolosi in caso di caduta o danneggiare il materasso di protezione.
  22. E’ vietato sostare sui materassi di protezione mentre altri arrampicatori stanno effettuando fasi di scalata, salvo che si faccia assistenza per evitare cadute pericolose
  23. E’ vietato creare turbative correndo o schiamazzando in palestra. 

CAI Romano di Lombardia
La Presidenza

 

Scarica il regolamento in formato pdf


CLUB ALPINO ITALIANO

sez. Carlo Moretti
via Giovanni Paolo II, 37
24058 Romano di Lombardia
tel.: 0363 902616
e-mail: info@cairomano.it
pec: romanodilombardia@pec.cai.it
mar. e ven. dalle 21 alle 23 

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
3
4
6
7
10
11
14
18
21
22
24
25
27
28
31